Written by 00:00 Teatro

Ninetta e le altre – Le Marocchinate del ’44

Sacra rappresentazione in XIV Stazioni

Vincitore del Festival Chimere

Amnesty International

Scritto e diretto da Damiana Leone
Con Damiana Leone, Anna Mingarelli e Francesca Reina

Disegno Luci Alessandro Calabrese
Costumi Errare Persona
Foto locandina Mario Scerrati
Foto di scena Gioia Onorati
Ufficio Stampa Ilaria Ferri
Organizzazione e Distribuzione Annalisa Siciliano

NOTE AL PROGETTO

Spettacolo inserito nel progetto “Racconta la Guerra” promosso dalla compagnia “Errare Persona” con l’Archivio di Stato di Frosinone, con il contributo della Provincia di Frosinone, per la creazione di un archivio storico sul fronte di Montecassino, e incentrato sulla ricerca storica di fonti orali applicata al teatro antropologico e di narrazione. Il progetto coinvolge un intera provincia, ed è unico nel suo genere.

È infatti il più grande progetto sullo stupro di guerra mai realizzato. Infatti lo studio, da cui è scaturito lo spettacolo, tratta degli Stupri di Guerra avvenuti nel Basso Lazio nel ’44, le cui vittime venivano chiamate Marocchinate, stupri studiati davvero solo negli ultimi dieci anni e solo in parte trattati da Moravia e poi da De Sica ne “La Ciociara”.

Grazie al Progetto e al lavoro di ricerca e divulgazione portato avanti da Damiana Leone e dalla compagnia, a maggio 2014 in occasione del 70° anniversario degli stupri di Guerra del ’44, è stata realizzata una commemorazione ufficiale presso il Palazzo della Provincia di Frosinone con il coinvolgimento di tutta la provincia e alla presenza del presidente della Regione Lazio.

SINOSSI E NOTE DI REGIA

Primi anni quaranta. Tre donne in scena, tre divinità pagane, arcaiche come i luoghi che le circondano: montagne, fiumi, stelle. Ninetta, Celeste e Maria. La scena è nuda. Unico elemento scenico sono tre conche disposte ai tre lati della scena che formano un triangolo-recinto sacro dentro il quale si muovono le donne. Nelle conche ci sono oggetti, lenzuola e soprattutto acqua. La conca rappresenta la vita e la donna, di cui ricorda il corpo nelle forme sinuose. È la cornucopia e l’utero, ma anche un’urna cineraria, ciò da cui si nasce e in cui si ritorna, in un tempo circolare basato sulla sola alternanza delle stagioni, in una vita sempre uguale per tutte le donne da millenni. Si celebra il matrimonio di Ninetta, che rimane immediatamente sola perché il suo amore parte per combattere per la patria. La vita delle tre donne allora è alternata da rituali identici a se stessi, arcaici e mistici: lavare i panni al fiume, lavorare i campi, avere le visioni, guarire le malattie con le preghiere, prendere il chinino contro la malaria, aspettare i loro uomini, scrivere lettere d’amore pensando ad un fronte di guerra lontano e per la loro vita assolutamente incomprensibile.

Improvvisamente la guerra si sposta nel loro mondo ameno: i tedeschi occupano la loro casa per farvi la cucina del fronte della linea Gustav. Avviene allora il confronto con il diverso, con una lingua straniera mai sentita prima, e Celeste si innamora di un tedesco che verrà ucciso davanti ai suoi occhi. I bombardamenti continui e la fame che avevano messo in ginocchio la popolazione civile, prima di allora avvezza solamente alle adunate fasciste e alle processioni dei santi, sono solo il preambolo della tragedia. Ninetta, Maria e Celeste corrono con le corone di fiori incontro ai loro liberatori, gli alleati, perché la guerra è finita, ma verranno tutte violentate dalle truppe coloniali francesi. Inizia il pianto e il canto rituale delle donne, con il racconto di quelle brutalizzazioni sulla popolazione civile già duramente colpita (in meno di un mese vennero violentate e brutalizzate più di 20.000 mila di tutte le età, più una cifra indefinita di bambini, uomini e animali) racconto di violenze di enorme ferocia e dolore, racconto delle conseguenze degli stupri: aborti, abbandoni, malattie, suicidi, invalidità, emarginazione e follia. Ninetta, incinta, decide di non abortire per dimenticare rassegnata una tragedia che altrimenti non avrebbe mai fine.

Come lei ne verranno violentate ancora tante di donne nelle guerre, troppe, perché lo stupro alla donna è lo stupro alla terra. Ma anche una tragedia può essere trasformata in un gesto d’amore e di speranza, anche se uno stupro di massa rimane nella terra e nelle generazioni future come un segno indelebile. La violenza, compiute dalle truppe coloniali francesi, sarà un marchio. Da ora in poi loro saranno chiamate per sempre “Marocchinate”.

MODALITA’ DEL PROGETTO

Questo lavoro è frutto di una ricerca di testimonianze durata più di un anno, ma potrei dire durato una vita dato che i racconti di quell’orrore ormai sono quasi epica tra la popolazione del basso Lazio. I fatti e i personaggi –tutti reali- sono ispirati alla violenza contro le donne delle truppe coloniali dell’esercito francese sulla linea Gustav durante la Seconda Guerra Mondiale. Data la particolare natura del progetto, basato su di una ricerca continua, dello spettacolo è stata realizzata anche una versione in monologo, come narrazione di teatro civile e d’inchiesta, disponibile per le repliche. Inoltre parte integrante dello spettacolo è un piccolo allestimento di documenti originali delle denunce delle donne, e qualora se ne facesse richiesta, dibatti e incontri a tema.

CREDITI ARTISTICI E DI PRODUZIONE

  • Nel 2010 lo spettacolo arriva finale al Festival “Donna Mostra Donna” e vince il Festival “Chimere” a Padova con il patrocinio di Amnesty International e l’università di Padova.
  • Sempre nello stesso anno viene prodotto dalla Regione Lazio e dalla Provincia di Frosinone nell’Ambito del progetto “Racconta la Guerra” in collaborazione con l’Archivio di Stato, la Prefettura di Frosinone, l’Università degli Studi di Cassino e lo storico Antony Santilli; tale progetto, a metà tra storia orale e teatro, è il più grande progetto di storia orale e teatro mai realizzato sullo stupro di guerra e tutt’oggi continua fino a trasformarsi in un progetto internazionale nel 2014, a 70 anni dai fatti narrati nello spettacolo.
  • Nel 2010 lo spettacolo viene realizzato come radiodramma su radiondarossa.
  • Tra il 2010 e il 2011 lo spettacolo viene replicato nei luoghi più significativi per la memoria storica della II Guerra mondiale su quella che era la Linea Gustav (Provincia di Frosinone, Cassino, Gaeta, Montelungo sacrario di guerra, Ortona), nell’ambito del Festival internazionale di Guerra di San Pietro Infine, nel Festival Internazionale “Conflitti”, presso l’università di Salerno, a Padova, Carrara, La Maddalena, a Roma presso il Teatro Orologio, e sempre a Roma all’interno della rassegna “Sguardi S-velati” del Teatro Due e presso la Città dell’Altra Economia.
  • Nel 2011 lo spettacolo viene citato nella bibliografia del libro di Luigi Di Fiore Controstoria della Liberazione – Le stragi e i crimini dimenticati degli Alleati nell’Italia del sud.
  • Nel 2013 lo spettacolo verrà rappresentato presso l’Università di Stoccolma.
  • Dal 2010 ad oggi lo spettacolo “Ninetta e le altre” e il progetto “Racconta la Guerra” sono considerati e citati come uno dei pochissimi punti di riferimento storico e culturale riguardo gli stupri di guerra del ‘44.
  • Lo spettacolo è accompagnato da una piccola mostra di documenti originali delle denunce del ‘44.
  • Grazie al Progetto “Racconta la Guerra” e al lavoro di ricerca e divulgazione portato avanti da Damiana Leone e dalla compagnia, a maggio 2014 in occasione del 70° anniversario degli stupri di Guerra del ’44, verrà realizzata una commemorazione ufficiale presso il Palazzo della provincia di Frosinone con il coinvolgimento di tutta la provincia e alla presenza del presidente della regione Lazio. Ma evento ancora più importante sarà il Convegno che si terrà alla Camera dei Deputati per il riconoscimento ufficiale da parte delle autorità di quegli stupri, ormai considerati da tutti come il più grande episodio di stupro di massa della storia d’Italia e forse d’Europa. Entrambi gli eventi, organizzati e fortemente voluti dalla compagnia, vedranno gli interventi di Damiana Leone e la mice en space di parte dello spettacolo.
  • Relazione e spettacolo presso il Convegno internazionale sullo Stupro di guerra (25 novembre 2014 a Colonia). Relazione presso l’Università di Stoccolma su gli stupri di guerra del ’44.
  • www.raccontalaguerra.wordpress.com – Blog interamente dedicato al progetto “Racconta la Guerra” in cui confluiscono tutte le informazioni, le ricerche e gli elaborati dei laboratori. Il blog è in classifica tra i blog di cultura in Italia.
  • LA MOSTRA “E’ il mio corpo il Paese più straziato”: con la collaborazione dell’Archivio di Stato di Frosinone, si allestirà una mostra itinerante di copia dei documenti delle denunce e delle dichiarazioni delle autorità sugli stupri del ’44, che toccherà tutto il Basso Lazio e Roma presso il Teatro dei Dioscuri del Ministero dei beni Culturali.

SCHEDA TECNICA

  • Titolo: NINETTA E LE ALTRE (le marocchinate del ’44)
  • Autore: Damiana LeoneAnno di produzione: 2010
  • Durata: 85 minuti
  • Tecnica utilizzata: Teatro antropologico, Teatro civile (lo spettacolo è completamente in dialetto ciociaro; nella versione in monologo alterna l’italiano al dialetto)
  • Attori: 3 (oppure 1 nella versione in monologo)
  • Tecnici: 1
  • Scenografia: Scena Nuda
  • Spazi richiesti: Teatro, aula magna, e altri spazi chiusi o all’aperto adeguati ad una messa in scena e dotati di posti a sedere.
  • Dimensione minime spazio scenico: 7 m (larghezza) – 6 m (profondità) – 4 m (altezza)
  • Proiettori: minimo 10 pezzi da 650/1000 W
  • Mixer luci e mixer audio-casseaudio: 2;
  • Potenza impegnata: minimo 10 kW

Video

Foto

(Visited 4 times, 1 visits today)
Close